Olio e cosmesi

L’olio extravergine di oliva è un prodotto dalle tante proprietà salutari utilizzato anche sotto forma di cosmetico. Recenti studi dimostrano che la composizione in grassi dell’olio di oliva (trigliceridi) è molto simile al sebo della pelle umana e che tra gli oli vegetali è quello con la maggiore affinità allo strato lipidico della pelle. Questo ne fa un anti-invecchiamento naturale […]

Continua a leggere

Chiarezza sull’etichettatura dell’olio

Chiarezza in primo piano l’‎olio‬ che riporta in etichetta olio di oliva non è ottenuto direttamente dalla spremitura del frutto. In questi casi, le olive possono arrivare in frantoio in pessime condizioni: malsane, oltre il grado ottimale di maturazione, raccolte da terra, non integre e a volte anche infestate dalle punture della mosca olearia e con il verme nel frutto. Da […]

Continua a leggere

Conservare l’olio

È importante conservare correttamente l’olio. Attenti a conservare bene l’olio, va tenuto in recipienti di vetro scuro o lattine di banda stagnata chiusi molto bene e perfettamente puliti, al riparo dalla luce e ad una temperatura compresa fra i 12 e i 14 gradi. Se si apre il contenitore, l’olio va comunque consumato entro sei mesi. È opportuno evitare il […]

Continua a leggere

Lenticchia di Castelluccio

CREMA DI LENTICCHIA Fare bollire, per circa 30/40 minuti, la lenticchia con parecchia acqua insieme a del sedano, carota e patata tagliata a pezzi. Aggiungere del sale e far bollire per circa altri cinque minuti. Passare tutto con il passaverdura e rimettere sul fuoco per altri 10 minuti, aggiungendo ove necessario dell’acqua calda. LENTICCHIA IN BIANCO Mettere le lenticchie in […]

Continua a leggere

Patate Rosse di Colfiorito

PATATE AL FORNO CON PANCETTA In una padella fate rosolare della pancetta con dell’olio. Pelate le patate, lavatele e tagliatele a fette, adagiarle su una teia e versate sopra la pancetta con il suo olio di cottura. Condite con del sale, del pepe, del rosmarino e dell’olio. Mettete al forno per circa 20 minuti ad una temperatura di 180 gradi, […]

Continua a leggere

Olio extravergine

LA CLASSICA BRUSCHETTA Semplice ed intramontabile, la bruschetta è il modo più rapido, secondo me il migliore, per assaggiare l’olio nuovo nella completezza delle sue principali caratteristiche: il suo particolare gusto piccante ed amarognolo, il suo incredibile profumo intenso e il suo incredibile colore verde. Mi raccomando, dopo averla condita fatela impregnare premendo e strusciando la fetta di pane sul […]

Continua a leggere

Zafferano di Città della Pieve

PASTA E FAGIOLI ALLO ZAFFERANO Ingredienti: 2 pizzichi di zafferano; Olio extravergine d’oliva q.b.; Cipolla Bianca; Sedano; 2 pugni/porzione di fagioli borlotti; sale e pepe q.b.; Pasta corta (2 pugni/porzione); Conserva di pomodoro. Preparazione: Lasciare in fusione 1 pizzico di zafferano in un bicchiere d’acqua calda per circa 2 ore. Far soffriggere in Olio extravergine d’oliva della cipolla bianca tagliata […]

Continua a leggere

Cipolle di Cannara

INSALATA DI CIPOLLA Le insalate con le cipolle di Cannara sono un piatto eccezionale per accompagnare piatti di carni, in particolare esaltano le carni dal gusto forte come il cinghiale e l’agnello. SCHIACCIATA CON CIPOLLA Ingredienti: 2 cipolle di Cannara, 250gr di farina, 15gr di lievito di birra, 1 cucchiaio di strutto, 1/2 bicchiere di olio extra vergine di oliva, […]

Continua a leggere

Olio extravergine di oliva dell’Umbria

L’olivo, in quanto pianta longeva e di crescita lenta, incarna la capacità del popolo umbro di saper attendere la giusta maturazione del frutto per ottenere un prodotto prelibato ed unico, così come di tramandare, di generazione in generazione, le tradizioni secolari per la sua coltivazione. Le piante di olivo presenti in Umbria godono di particolari condizioni climatiche, sfruttano un terreno […]

Continua a leggere

Zafferano di Città della Pieve

Le prime notizie relative alla produzione ed al commercio dello zafferano nella zona di Città della Pieve risalgono al XIII secolo, ed era legata all’utilizzo dei pigmenti ricavabili dalla pianta, che venivano impiegati nella tintura dei tessuti e filati di cui la cittadina era un grande centro di produzione. La reintroduzione della coltura si deve all’agronomo Alberto Viganò, che alla fine degli […]

Continua a leggere
1 2